Con Il mio Labrador, l’ASD impegnata a formare “speciali” altamente addestrati, celebriamo la Giornata Internazionale del Cane

Si celebra oggi, 26 agosto,  la giornata internazionale del cane, un alleato fedele , che soprattutto durante la pandemia ha dato l’ennesima dimostrazione di quanto preziosa possa essere la sua presenza e vicinanza e del contributo che può apportare in situazioni difficili che necessitano di pet terapy.

Nata nel 2014, l’associazione Il Mio Labrador ASD vuole migliorare la vita delle persone “speciali”, fornendo cani “speciali” altamente addestrati per l’assistenza alle persone che vivono una condizione di disagio fisico o psichico, tra le attività perseguite, rientrano anche gli per interventi assistiti (pet therapy) e l’educazione di base oltre che assistenza disabili (fisiche, psitiche, disturbo spettro autistico), residenziali e cani per pet terapy.

Andrea Zenobi

Sostenere l’associazione e il preziosissimo ruolo che svolge per la comunità è davvero semplice! Si può scegliere di adottare un cane o di farlo a distanza o scegliere le ulteriori  altre modalità presenti sul sito e sulle pagine social. http://www.ilmiolabrador.it/ Fb @ilmiolabrador

Tra i componenti del team “ Il mio Labrador”,  Andrea Zenobi è il Presidente e l’anima della Associazione. E’ il responsabile degli educatori e segue in prima persona tutti i progetti di Pet Therapy e di Educazione Cani per Disabili.

1 – Andrea può illustrarci la Sua realtà e i numeri che descrivono il Vostro lavoro, come ad esempio,  quanti cani sono stati addestrati e consegnati fino ad oggi.

Ad oggi sono 22 i cani consegnati in maniera definitiva , e in preconsegna ne sono 14 laddove per preconsegna intendo che è trascorso il primo anno di addestramento . Passato questo tempo, io o i miei collaboratori, andiamo a casa del disabile ovunque si trovi, e continuiamo a lavorare in sinergia con la famiglia, i terapisti e il padrone stesso del cane. Fino al 2021 sono 26 i cani prenotati e di questo siamo molto felici! Ovviamente queste consegne verranno scaglionate in archi di tempo consone ad una presa in consegna ottimale nel rispetto di tutti.

2- In che modo questi animali sono in grado di apportare miglioramento all’uomo? Quali gli ambiti di intervento?

Nonostante siano molto differenti, disabilità fisica e cognitiva hanno un punto di contatto comune l’apporto di compagnia che un cane da in entrambi i casi, fermo restando che, affinchè questo accada , il cane in primis deve mantenere una qualità della vita adeguata, con i suoi spazi e routine. Nelle persone con disabilità fisica l’apporto è più pratico perchè il cane è in grado di supportare da un punto di vista tecnico, nel raccogliere gli oggetti, aprire e chiudere porte e cassetti, aiutare a togliere indumenti come i calzini o altro e supportare la quotidianità nella riattivazione della vita sociale. Avere un cane che cammina accanto ad una carrozzina, conferisce sicurezza e conforto. Per quanto riguarda le difficoltà fisiche e legate all’autismo, sono diverse le tipologie di intervento penso all’area verbale o cognitiva o quella degli interessi o l’area motoria o l’area sociale.  Di solito una di queste aree risultano compromesse e insieme alla famiglia o al terapista impostiamo il lavoro e il modo di intervento delineando obiettivi da raggiungere insieme.

3 – Quanto è stato importante il supporto fornito dai cani durante il Covid?

Sono stati determinanti dal punto di vista del supporto emotivo, le persone con disabilità psitica o motoria hanno difficoltà per motivi diversi ad uscire ed affrontare il mondo esterno in maniera serena e tranquilla. . La vicinanza di un cane ha sicuramente supportato queste persone in maniera netta. E me lo ha confermato più di una persona che aveva il cane consegnato in quel preciso periodo. Per contro tante altre mamme che riceveranno il cane in questo periodo sono speranzose perché si rendono conto del supporto emotivo che può fornire soprattutto a bambini autistici e cognitivi.

4 – Sono tantissime le realtà del territorio che supportano la Vostra e, nel sito anche il nuotatore Manuel Bortuzzo è entrato nella famiglia de “ Il mio labrador” ricevendo da Pollenza un labrador per il suo compleanno che ha donato a sua volta a un bambino autistico di Roma: visti i numerosi impegni , l’atleta ha scelto di far vivere questa esperienza a chi aveva la possibilità di instaurare un rapporto univoco e quotidiano con il cane per trarne il massimo dei benefici .  Quanto è importante contribuire a fare informazione e creare cultura sul ruolo di questi preziosissimi alleati?

Le realta’ che ci supportano stanno aumentando in maniera sempre più capillare e speriamo diventino sempre più copiose. Naturalmente i social ci aiutano anche a conferire valore, attraverso l’esperienza concreta che documentiamo, all’importanza di supportare una attività come la nostra, al servizio della Persona. Invitiamo tutti a sperimentare questa forma di vicinanza, conoscendoci per contribuire in base alle proprie necessità alla realizzazione di un progetto così importante in favore dei terzi, soprattutto con difficoltà. Qualitativamente mettiamo a disposizione del cane il massimo per la crescita sviluppo e acquisizione di competenze specifiche per l’addestramento. È per questo che ai privati chiediamo di entrare nel circuito di questa economia circolare per alleggerire le famiglie che comunque fano la loro parte. La nostra Associazione inoltre non nega nessuno spostamento ( una media di una volta al mese per un anno) per fornire il supporto necessario all’instaurazione ottimale della relazione unica che si instaura tra animale e persona e mette a disposizione il proprio know how per la buona riuscita del progetto e ad oggi i feedback sono tutti estremamente positivi. Abbiamo instaurato una collaborazione, per essere sempre più capillari sul territorio con l’associazione “Demenza Dog” che ci permette di offrire supporto anche in Sardegna, territorio difficile da raggiungere ma che ora è parte del progetto e si trova in provincia di Cagliari. Per questo rinnovo l’invito a Enti, Aziende e Terzi a conoscerci e esserci vicini anche con poco: il nostro obiettivo è gravare sempre meno sulle famiglie e spero che riusciremo anche in questo!

Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...