Una cimice asiatica compromette la produzione di kiwi. Conosci davvero tutti i benefici e le sue proprietà?

“Dobbiamo salvare il kiwi italiano dalla Moria: siamo il secondo produttore mondiale, con 25.875 ettari di superficie coltivati con oltre 500mila tonnellate prodotte, di cui 9.493 ettari e oltre 200mila tonnellate nella sola regione Lazio. In seno al Comitato fitosanitario si è deciso di avviare uno specifico gruppo di lavoro che vedrà la partecipazione dei territori interessati, dove verrà seguito il modello di lavoro già sperimentato per affrontare il problema della cimice asiatica. A tal fine la ricerca giocherà un ruolo determinante per la soluzione della questione”

Così il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe L’Abbate ha sottolineato l’importanza della ricerca nell’audizione nei giorni scorsi alla Regione Lazio, che lo ha visto coinvolto insieme al CREA e dedicata alla Moria del kiwi. Si tratta di una nuova fitopatia dopo la Batteriosi che, negli anni scorsi, ha già messo a dura prova la tenuta del settore. Si manifesta durante l’estate ed è caratterizzata da un decorso rapidissimo e letale: nel giro di qualche giorno o – nella migliore delle ipotesi – di qualche settimana, le piante, sia quelle di varietà a polpa verde che quelle a polpa gialla, avvizziscono completamente, l’apparato radicale appare ridotto e marcescente. 

In attesa che la ricerca faccia il suo corso, Valentina Meconio, biologa nutrizionista ci fa conoscere meglio apporti e benefici di questo preziosissimo frutto.

Consumare kiwi  comporta diversi benefici per la salute del nostro organismo:

  1. Mantiene l’equilibrio alcalino: il kiwi è ricco di minerali che vanno a bilanciare l’acidità nella nostra alimentazione. I cibi alcalini sono necessari per mantenere l’organismo sano, in modo da combattere la natura altamente acida del cibo consumato.
  • Migliora la vista: il kiwi contiene, carotene e vitamina C che protegge dai radicali liberi e dallo stress ossidativo.
  • Rinforza il sistema immunitario: nonostante sia un frutto molto piccolo, è un vero concentrato di antiossidanti. Ricco di vitamina C, D, B6, B12, K, zinco, acido folico, fibre e altre sostanze nutritive, è un alimento perfetto per stimolare il sistema immunitario e prevenire raffreddori e malattie.
  • Regola la pressione sanguigna: il kiwi è una ricca fonte di potassio, che svolge un ruolo importante per le cellule del corpo, mantenendo gli elettroliti in equilibrio. Questo si ripercuote positivamente sulla frequenza cardiaca e sulla pressione del sangue.
  • Aiuta a mantenere la salute delle ossa: il suo contenuto di calcio, potassio, vitamina K e magnesio rende il kiwi un potente alleato per mantenere sano lo sviluppo del tessuto osseo.
  • Migliora la digestione: il kiwi è utilissimo per i problemi digestivi e intestinali. Molti studi hanno dimostrato che aiuta a ridurre le complicanze legate alla sindrome dell’intestino irritabile e alle infiammazioni intestinali.
  • Rende luminosa la pelle: come abbiamo detto, il kiwi è ricchissimo di vitamine e minerali, come potassio, calcio, ferro e magnesio, oltre a varie vitamine del gruppo B. Questa combinazione è perfetta per una pelle sana e per una buona circolazione sanguigna.

Dottoressa, come possiamo integrare il kiwi nella nostra quotidianità?

Del kiwi possono essere mangiati non soltanto i semi e la polpa, ma anche la buccia, soprattutto in presenza di un frutto biologico, dopo averla ben lavata e strofinata. I kiwi molto maturi possono essere divisi a metà senza essere affettati, per gustarne la polpa direttamente con il cucchiaino. I kiwi possono essere utilizzati per la preparazione di confetture e gelatine, da soli o in abbinamento a albicocche e frutti rossi. Possono costituire uno degli ingredienti principali nella preparazione di macedonie o di spiedini di frutta, in occasione della merenda, uno stratagemma che permetterà che questo frutto possa essere amato anche dai bambini. Con kiwi e limone è possibile preparare una composta agrodolce, adatta da abbinare anche a piatti salati.

Photo by Trang Doan on Pexels.com

Un kiwi può rappresentare uno dei frutti da consumare a colazione, dopo essere stato affettato e condito con succo di limone. Può essere aggiunto al muesli o nella preparazione di frullati benefici e disintossicanti da gustare in ogni momento della giornata. Il kiwi può essere inoltre impiegato per la preparazione di crostate, sorbetti e gelati. Il kiwi può essere aggiunto anche alle insalate estive.

Quali benefici apporta questo frutto al nostro organismo?

Il kiwi, rafforza il sistema immunitario contro i malanni di stagione ed è amico del cuore . Con tutta la vitamina C che contiene, aiuta a prevenire l’influenza rinforzando il sistema immunitario.  Ma è anche chiamato frutto salva-cuore per il suo effetto benefico sulla funzionalità cardiaca.

Essendo infatti ricco di acidi grassi essenziali come gli Omega-3, aiuta il cuore, contribuendo a tenere bassi i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e regolarizzando la pressione arteriosa grazie a un alto contenuto di minerali come potassio e sodio, che aiutano a prevenire l’ipertensione.

In reltà non contiene molto ferro, ma la tanta vitamina C lo rende biodisponibile, favorendone l’assorbimento.
Grazie alla clorofilla (responsabile del suo colore verde) e ai carotenoidi di cui è ricco, vanta un grande potere antiossidante: molto utile nel contrastare gli effetti dei radicali liberi e la conseguente ossidazione cellulare.

Photo by Scott Webb on Pexels.com

Infine, il kiwi è un formidabile contro i “crampi”muscolari: con calcio, fosforo, magnesio, sodio e potassio è in grado di reintegrare  i minerali  e di rinforzare i muscoli ristabilendo l’equilibrio idrico,quindi, ottimo per gli sportivi, ma anche come ricostituente naturale.

Il magnesio e l’acido folico sono le due sostanze nutrienti che accomunano tutti gli ortaggi verdi e il nostro frutto non fa eccezione, rivelandosi particolarmente prezioso per le donne in gravidanza.

  • Il magnesio, che è parte della molecola della clorofilla, infatti, contribuisce al normale metabolismo energetico e alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, al normale funzionamento del sistema nervoso e di quello muscolare. Tutte funzioni che nella donna in gravidanza hanno bisogno di particolare supporto.
  • L’acido folico o folato, invece, contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e alla normale funzione del sistema immunitario ed è fondamentale per il corretto sviluppo dell’embrione durante i primi mesi della gravidanza.

Infine… un peculiarità che sta a cuore a noi donne, è vero che è anche un ottimo alleato di bellezza?

Certamente! È un antirughe naturale e, grazie alla sua azione antiossidante, aiuta la pelle a rimanere giovane, soda, elastica e luminosa.

Photo by Lovefood Art on Pexels.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...