Sant’Antonio Abate, protettore degli animali, Coldiretti Marche: “Sos Fattoria Marche, tra terremoto e covid perso 20% delle aziende”

Più di una famiglia marchigiana su due ha un animale in casa. Amici a quattro zampe, soprattutto cani e gatti, che secondo i dati dell’anagrafe regionale degli animali d’affezione superano quota 382mila. Numeri che si aggiungono agli animali allevati nelle campagne marchigiane dove le aziende zootecniche sono oltre 16mila e si occupano di circa 306mila animali tra mucche, bufale, pecore, capre, cavalli e maiali senza contare 4,5 milioni di volatili tra polli, galline, tacchini, oche, anatre ma anche quaglie e, negli ultimi anni, pure struzzi ed emu. Le rende noto Coldiretti Marche in occasione di Sant’Antonio Abate, Patrono degli Animali, che si celebra il 17 gennaio con la tradizione popolare delle benedizioni degli animali nelle parrocchie e nelle campagne. L’occasione per rilanciare l’allarme su un settore particolarmente toccato dalla crisi sanitaria.

Dal dopo terremoto a oggi si è perso, secondo l’analisi di Coldiretti Marche su dati dell’Anagrafe zootecnica nazionale, il 21% delle aziende mentre il patrimonio zootecnico è diminuito di circa il 3%. Una diminuzione che non tiene conto del comparto avicolo, in controtendenza rispetto agli altri e in crescita del 4%. Nella nostra regione sono presenti circa 3500 allevamenti di bovini, 94 bufalini, circa 4mila ovicaprini, quasi 8mila suini, 430 avicoli e anche 62 attività di acquacoltura tra acqua dolce e mare. Un settore in crisi anche per il perdurare delle restrizioni a ristoranti, bar e alberghi imposte a causa dell’emergenza Covid con il conseguente crollo dei consumi. 

“Gli allevatori marchigiani – secondo Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – svolgono un ruolo di presidio e mantenimento del territorio naturale. Il loro lavoro, basato sulla sostenibilità ambientale, contribuisce a generare valore e occupazione anche in territori marginali. Ovviamente la crisi sanitaria che stiamo vivendo rende la zootecnia uno dei settori più colpiti. Chiediamo alle Istituzioni di sostenere oggi e continuare in futuro a potenziare questo settore così importante per la nostra regione”. Per aiutare le aziende Coldiretti, nel corso del 2020, è riuscita a ottenere dalle Istituzioni diverse misure di ristoro per le varie tipologie di allevamento e continuerà nel corso di quest’anno la sua azione di sostegno alle imprese. Intanto, in collaborazione con Bovinmarche, è stata potenziata l’assistenza tecnica zootecnica con veterinari, agronomi e nutrizionisti a disposizione degli allevamenti per sopralluoghi e consulenze mirate su biosicurezza e benessere animale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...