#SHARPERNIGHT: il 24 settembre torna la notte europea dei dei ricercatori 2021

#SHARPER è il nome di uno dei 6 progetti italiani sostenuti dalla Commissione Europea per la realizzazione della Notte Europea dei Ricercatori nel 2020

SHARPER significa SHAring Researchers’ Passion for Engaging Responsiveness e ha l’obiettivo di coinvolgere tutti i cittadini nella scoperta del mestiere di ricercatore e del ruolo che i ricercatori svolgono nel costruire il futuro della società attraverso l’indagine del mondo basata sui fatti, le osservazioni e l’abilità nell’adattarsi e interpretare contesti sociali e culturali sempre più complessi e in continua evoluzione.

Photo by Alex Knight on Pexels.com

SHARPER si svolge il 24 settembre 2021 nelle città di Ancona, Cagliari, Camerino, Catania, Genova, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Sassari, Terni, Torino, Trento e Trieste per raccontare la passione, le scoperte e le sfide dei ricercatori di tutta Europa attraverso mostre, spettacoli, concerti, giochi, conferenze e centinaia di altre iniziative rivolte al grande pubblico.

SHARPER è coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro, in collaborazione con un consorzio che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN, sei Università: Politecnico di Torino, l’Università Politecnica della Marche, l’Università di Cagliari, l’Università di Catania, l’Università di Palermo, l’Università di Perugia,  due musei: il Muse di Trento e l’Immaginario Scientifico di Trieste, l’associazione Observa Science in Society. Partecipano inoltre come partner associati l’Università di Camerino, l’Università di Genova, l‘Università di Macerata e l’Università di Sassari. Oltre 170 le istituzioni, i partner culturali gli enti di ricerca coinvolti – inclusi CNR, INAF e INGV – pronti a reinventare le oltre 500 iniziative previste in modo da consentire la partecipazione in sicurezza a cittadini di tutte le età.

NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI: TUTTI GLI APPUNTAMENTI DEL CREA PER VIVERE UN GIORNO DA SCIENZIATI

Anche quest’anno il CREA partecipa con gran parte dei suoi Centri di Ricerca alla Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici di Frascati Scienza, dal titolo heaL thE plAnet’s Future (#LEAF). ‘Cura il futuro del Pianeta’, un’occasione straordinaria di incontro tra il mondo della ricerca e la cittadinanza, con un programma fitto di incontri, esperienze dal vivo e on line con esperimenti e dimostrazioni scientifiche, webinar e giochi per i più piccoli, per diventare scienziati per un giorno.

Photo by Anna Shvets on Pexels.com

Il 23 settembre si svolgeranno due webinar: il primo Racconti di biodiversità: un’esperienza di volontariato a 360°, per presentare LIFE ESC 360, il progetto di monitoraggio della biodiversità delle riserve naturali statali gestite dal Raggruppamento Biodiversità dell’Arma dei Carabinieri, svolto da 360 volontari; il secondoBacman (il baco da seta): il supereroe della seta dedicato alla filiera produttiva della seta e sulle sue potenzialità per ricreare una nuova filiera attenta alla sostenibilità, alle nuove frontiere della ricerca biotecnologica e alle applicazioni innovative. Un altro webinar è in programma per il 24 settembre, dedicato all’economia circolare e alla valorizzazione degli scarti dal titolo Diamo nuova vita agli scarti ortofrutticoli. 

Photo by Pixabay on Pexels.com

Il 24-25 settembrele indiscusse protagoniste saranno leapi: tramite un’arnia didattica, sarà, infatti, possibile curiosare all’interno di un alveare, riconoscere il nettare, il polline e le larve, distinguendo le api operaie dai fuchi e dalla Regina. Inoltre, un’arnia standard, ma senza api, sarà equipaggiata con sensori di peso, temperatura, umidità, vibrazione e microfoni, l’alveare digitale, per monitorare le variazioni delle condizioni interne ed esterne e gli effetti sulla società delle api e degli insetti impollinatori in generale.

Infine, chiudiamo il 25 settembre con l’ultimo appuntamento, un webinar dedicato al latte dal titolo La ricerca in zootecnia e la filiera del latte per spiegare come ottenere un prodotto di qualità migliore con effetti positivi sulla salute umana da allevamenti sostenibili.

Piccoli scienziati in erba!

Non mancheranno, inoltre, gli appuntamenti per i più piccoli

21-23 settembre Api, boschi e la scienza per la sostenibilità, un laboratorio scientifico con i prodotti delle api e uno science trip alla scoperta di un apiario nel bosco, per riflettere su alcuni grandi temi di oggi: prodotti alimentari sani e sostenibili, protezione dell’ambiente e della biodiversità, cambiamento climatico.

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Il 23-24 settembre durante Buono per te, buono per il pianeta? i ragazzi dovranno interrogarsi rispondendo a domande sugli alimenti e cimentarsi in un gioco interattivo, un vero laboratorio ludico didattico dedicato all’alimentazione e alla sostenibilità; 

il 24 settembre all’interno del webinar Alla scoperta dell’olio extravergine d’oliva: un viaggio nel tempo potranno ripercorrere la storia dell’olivicoltura, dagli ulivi monumentali ad oggi, in un viaggio ideale alla scoperta dell’olivo e dei suoi prodotti; mentre nel talk show Manuale “di istruzioni” per costruire nell’adolescenza un modello alimentare salutare e sostenibile  potranno approfondire l’importanza dell’adozione di scelte alimentari adeguate alle loro necessità e di stili di vita più sani e rispettosi di loro stessi e del pianeta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...